home

 

Ciò che può essere fatto quando si pensa

   
   

che non ci sia più nulla da fare

Queste parole sono un'efficace sintesi del perchè è nata Vitas.

Ci sono infatti malattie, come il cancro, che nella fase terminale provocano sofferenze intollerabili, sia fisiche che    psicologiche.

In questo contesto, i malati inguaribili esprimono spesso loro stessi il desiderio di concludere la loro vita tra il calore delle mura domestiche. Altre volte, sono le strutture pubbliche a non riconoscere loro le disponibilità di un trattamento ospedaliero.

In entrambi i casi, i malati terminali continuano ad avere un enorme bisogno di cure, assistenza ed affetto.

Riceverli è un loro diritto. Come è diritto delle loro famiglie essere il più possibile supportate, consigliate, sostenute.

 

Per questo

Vitas ha elaborato un progetto di costituzione di equipe specializzate e multidisciplinari, composte da oncologi, infermieri, psicologi, assistenti sociali e volontari, in grado di garantire un'assistenza domiciliare efficace, completa e gratuita ai malati terminali ed alle loro famiglie.

 

I Volontari Vitas

 Sono parte integrante di un progetto, con uno stile e delle regole ben precise; la loro azione non è individuale ma inserita in una struttura in cui ogni figura ha un proprio ruolo. 

Sono persone selezionate e formate per essere in grado di affrontare le difficoltà insite nell’assistenza ai malati.

Sono in grado di dare a chi soffre un aiuto concreto per risolvere i problemi pratici e psicologici che devono affrontare.

Assistono il malato e gli fanno compagnia mentre i familiari sono al lavoro o impegnati nelle incombenze quotidiane.

 In particolare i volontari possono:

- Svolgere una terapia ricreativa (lettura di libri o quotidiani, conversare, ascoltare musica)

- Dare aiuto all’igiene personale del malato

- Assistere il malato negli spostamenti e accompagnarlo per la casa o in bagno e, se gli è possibile, lasciare il letto

- Preparare, se è il caso, qualche semplice pietanza di cui il malato abbia espresso desiderio

- Eseguire commissioni o sbrigare eventuali pratiche

- Continuare a seguire il malato nel caso in cui egli sia ricoverato in ospedale con visite periodiche

I volontari sono persone che, oltre a dare un aiuto concreto, esprimono solidarietà, offrono anche ai familiari ascolto e sostegno umano cercando, per quanto possibile, di sollevare la famiglia dalle preoccupazioni quotidiane.

Sappiamo quanto sia difficile da parte dei pazienti e delle famiglie accettare, a volte, la presenza di una persona estranea, per quanto accreditata e referenziata, a casa propria.

Vorremmo che, attraverso queste poche righe di presentazione del ruolo del volontario Vitas, valutaste attentamente il valore, l’utilità e la possibilità di accettare in casa vostra persone fortemente motivate con le quali condividere un “pezzo di cammino” di vita insieme.

 

Per avere ulteriori informazioni contattare la coordinatrice dei volontari Vitas, Sig.ra Patrizia Carpendo tel 335.6566747 o l’associazione Vitas tel. 0142.452067 associazione.vitas@libero.it

 

 

   
   

Attività svolte

   
         
         
   

home