home

 

LA COLLINA DELLE DONNE

   
         
   

 

   
   

Sorgerà una collina nuova,

   
   

là vicino al fiume,

   
   

dove bambini giocheranno

   
   

e vecchi sosteranno a ricordare

   
         
   

Sorgerà una nuova collina,

   
   

e su quella una lapide,

   
   

fredda, come tutte le pietre.

   
   

Si leggeranno parole di ricordo e di dolore

   
   

Non Nomi.

   
   

Troppi, non basterebbe una collina

   
         
   

Sorgerà sopra i resti dell’inferno,

   
   

là dove colpevoli uomini e impuniti

   
   

bruciarono speranza, cuore, tempi,

   
   

di altri incolpevoli uomini

   
         
   

L’inferno dove la vita di Mario, Giovanni, Michele, Lucia

   
   

non contava più dei sacchi di amianto

   
   

che svuotavano ogni giorno,

   
   

o del muro di polvere

   
   

attraverso cui i loro occhi faticarono a riconoscersi

   
         
   

Sorgerà una collina nuova

   
   

e dovrebbe avere un nome.

   
   

Perché i nomi restano,

   
   

parti vive delle idee e delle emozioni

   
         
   

LA COLLINA DELLE DONNE;

   
   

la chiamerei:

   
   

delle operaie che non son più, di quelle

   
   

che non dimenticano,

   
   

delle madri, delle mogli, delle figlie e delle sorelle,

   
   

di tutte le compagne di vita,

   
   

che con cuore straziato e mano ferma,

   
   

mai hanno cessato di lanciare nel silenzio,

   
   

l’urlo di dolore che non finisce

   
         
         
   

                                                                                Daniela Degiovanni

   

 

 

home